Thursday, 23 November 2017
Rimedi Naturali

Tisana al finocchio: proprietà e precauzioni

Conosciute fin dall’antichità, le proprietà benefiche del finocchio possono andare incontro alle esigenze di molte persone, contribuendo a combattere piccoli e grandi disturbi.

Grazie alla sua azione drenante, disintossicante e depurativa, la tisana al finocchio può diventare un grande alleato del nostro organismo, un toccasana capace di intervenire sulle difficoltà digestive, sull’alitosi, sui problemi gastrointestinali, ma anche sulla ritenzione idrica e sul gonfiore di stomaco.

tisana al finocchioÈ utile quindi anche contro la cellulite e la pancia gonfia, due problemi molto sentiti adesso che si avvicina l’estate.

Si tratta inoltre di un rimedio alla portata di tutti, semplice da preparare e acquistabile, sotto forma di bustine già dosate, in qualsiasi erboristeria. Ma andiamo più nello specifico e scopriamo i reali benefici di questa pianta.

La tisana al finocchio è un rimedio naturale utilizzato per facilitare la digestione, dotato di un’azione purificatrice che si attiva in tutto l’apparato digerente, dalla bocca all’intestino. Tale azione si avverte fin da subito con un significativo aumento della salivazione.

È il primo segno di un miglioramento immediato delle capacità digestive dell’organismo. Una volta raggiunto lo stomaco, e poi l’intestino, i principi attivi del finocchio sono utili nel stimolare tutta quella serie di movimenti detti peristaltici che servono per condurre il cibo lungo il tratto gastrointestinale.

Ma le proprietà stimolanti e regolatrici del processo digestivo non sono sicuramente le uniche riconosciute a questo tipo di tisana.

Essa infatti è ottima per ridurre la formazione di aria nello stomaco e nell’intestino, rivelandosi utile anche per alleviare i dolori legati a problemi di aerofagia. Sgonfia quindi la pancia e rilassa inoltre la muscolatura liscia addominale.

Per quest’ultimo motivo è spesso consigliata per lenire i dolori mestruali. Tutti questi vantaggi ne hanno fatto il rimedio naturale per eccellenza per le coliche neonatali. Ma non stiamo parlando solo di un rimedio della tradizione, l’efficacia in tal senso è dimostrata anche scientificamente.

Ma oltre ai noti effetti digestivi, la tisana al finocchio ha dimostrato di essere anche un efficace antibatterico e un ottimo mucolitico, tanto da essere spesso consigliato in inverno come rimedio per i classici mali di stagione.

E non è finita qui. La tradizione popolare tramanda anche i vantaggi della tisana al finocchio durante l’allattamento. L’elevato contenuto di fitoestrogeni favorisce infatti la montata lattea, ma in questo caso non tutti i medici sono d’accordo sulla reale efficacia dell’infuso.

Alcuni ricercatori ritengono che i preparati erboristici a base di finocchio contengano anche piccole dosi di sostanze pericolose per i più piccoli (in particolare l’estragolo, potenzialmente cancerogeno) e sconsigliano vivamente di esagerare con le dosi, suggerendo alle mamme di non andare oltre alle due tazze a settimana.

Non è questa l’unica controindicazione. La tisana al finocchio, come tutti i rimedi naturali e non, può causare reazioni allergiche, che si manifestano in genere con rossore intorno alla bocca e prurito.

I pazienti in terapia con ciprofloxacina, un antibiotico, dovrebbero inoltre evitare di bere questo infuso perché l’interazione con il farmaco ridurrebbe l’efficacia dello stesso.

L’Agenzia Europea per i Medicinali, in seguito al riconoscimento dell’estragolo come sostanza cancerogena, ha poi sottolineato che il consumo di tisane al finocchio non è raccomandato nei bambini al di sotto dei 4 anni, nelle donne in gravidanza e durante l’allattamento.

È chiaro che non serve allarmarsi e che, in ogni caso, è più che sufficiente la consapevolezza di non abusare nemmeno dei prodotti della natura. Si tratta pur sempre di medicinali e come tali vanno assunti solo dietro suggerimento medico.

Chiedete quindi al vostro erborista di fiducia e non esagerate. Solo così potrete godere dei benefici della tisana al finocchio.

Post Comment