Tuesday, 12 December 2017
Rimedi Naturali

Dolori mestruali: i rimedi naturali per alleviarli

Che fatica essere donne: il parto, i figli da allevare, dividersi tra il lavoro e i mestieri domestici e anche i dolori mestruali.

Per chi ha disturbi particolarmente gravi, non c’è via di scampo, bisogna rivolgersi ad un ginecologo e, nella maggior parte dei casi, prendere per un periodo di tempo la pillola anticoncezionale, meglio se curativa.

Per chi invece soffre di mal di pancia nella norma e, giustamente, non vuole assumere medicine e men che mai la pillola che, comunque, ha anche molte controindicazioni, non resta che ricorrere ai metodi naturali.

Come per molti altri disturbi, la dieta giusta può essere un grande alleato. Tra gli alimenti considerati in grado di provocare dei fastidi durante i giorni delle mestruazioni, compresi crampi, mal di testa, sonnolenza e continuo desiderio di assumere dolci, ci sono, per esempio, alcol, zucchero raffinato, cibi particolarmente piccanti, snack dolci confezionati, fritture e latticini.

dolori mestruali rimedi naturaliEssi dovrebbero dunque essere eliminati o evitati il più possibile già a partire dalla settimana che precede il ciclo.

Tra i cibi positivi ci sono invece ortaggi, frutta e verdure a foglia verde, da condire con spezie come lo zenzero, i semi di finocchio, il timo, i semi di lino, la cannella e i chiodi di garofano in polvere.

Tali spezie sono considerate alla stregua di veri e propri medicinali naturali in grado di alleviare i fastidi più comunemente accusati dalle donne durante il ciclo. Il tutto, bevendo moltissima acqua e, se se ne ha la possibilità, tisane ad hoc.

Le tisane, infatti, sfruttano le proprietà curative delle piante e delle spezie al fine di calmare i dolori mestruali, alleviare il gonfiore e regalare una sensazione di relax e benessere generale, che può contribuire ad affrontare al meglio i giorni del ciclo.

Tra le erbe e le spezie a cui potrete fare ricorso per la preparazione di tisane da consumare due o tre volte al giorno (calcolando una dose di erbe o spezie di due cucchiaini per tazza) ve ne sono almeno cinque specifiche: la camomilla, le foglie di lampone, lo zenzero, la cannella e la menta.

Un altro rimedio antico è invece quello pediluvi perché riescono a calmare i crampi. Altre spezie o erbe aromatiche adatte a tale impiego sono la cannella, lo zenzero, i chiodi di garofano ed il timo.

Dopo il pediluvio i piedi possono essere massaggiati con gel d’aloe vera, per prolungare il momento di relax. Un capitolo a parte riguarda gli oli essenziali e l’aromaterapia:  tra gli oli essenziali considerati efficaci al fine di alleviare i dolori mestruali vi sono quelli di lavanda, camomilla, maggiorana e geranio.

Essi possono essere utilizzati per la realizzazione di oli da massaggio diluendone poche gocce in un olio vegetale di base come l’olio di mandorle dolci o l’olio d’oliva.

Gli stessi oli essenziali possono essere utilizzati singolarmente per dedicarsi dei trattamenti casalinghi di aromaterapia, a patto di avere con sé un bruciaessenze nella cui vaschetta versare un po’d’acqua e quattro o cinque gocce dell’olio essenziale prescelto, la cui fragranza dovrà essere diffusa nelle stanze della casa che frequentate maggiormente.

Infine, se nessuno di questi rimedi funziona, si può preparare un unguento da massaggiare sull’addome per alleviare i dolori mestruali.

Esso si prepara sciogliendo a bagnomaria 50 grammi di burro di karitè ed aggiungendo ad esso un cucchiaio di oleolito o macerato di calendula, oppure 10 gocce di olio essenziale di calendula.

Si dovrà mescolare bene il composto preferibilmente con una bacchetta o cucchiaino in legno e versarlo in un barattolino di vetro a chiusura ermetica.

In ultimo di ordine ma sicuramente non di importanza, il vecchio metodo della camomilla, magari lasciando in infusione a lungo le bustine così da poter preparare una miscela più forte.

La camomilla, oltre a rilassare l’intero organismo, vi farà dormire meglio e spesso, si sa, il sonno è il miglior rimedio contro ogni dolore e fastidio.

Post Comment